ROUND 2 - AUTODROMO MAGIONE

BAGARRE ED EMOZIONI NEL SECONDO ROUND STAGIONALE DELLA FORMULA X ITALIAN SERIES


Autodromo Magione - Formula X Italian Series - Predator's Challenge - Palummieri Stefano
Predator's Challenge - Autodromo dell'Umbria Magione

PREDATOR'S CHALLENGE 2018


Sul tracciato umbro di Magione Tarani e Palummieri si spartiscono il bottino del Predator’s Challenge, rispettivamente nella graduatoria Assoluta e Classic .


E’ stata una Domenica ad alto tasso di adrenalina quella andata in scena sullo storico circuito di Magione per il secondo appuntamento stagionale della Formula X Italian Series. Un paddock che ha visto la presenza di oltre cento iscritti darsi battaglia nelle dieci gare complessivamente svoltesi sull’autodromo umbro. I protagonisti di Predator’s Challenge, G1 Series by Griiip, Formula X, Formula Class Junior Italia e FX Touring Car Series hanno dato vita ad una giornata dove i colpi di scena non sono venuti a mancare.


Numerosi volti nuovi si sono affacciati per la prima volta sul palcoscenico del campionato, al fianco dei più esperti piloti già presenti nella passate edizioni. Gli spalti gremiti del tracciato umbro sono la conferma di un interesse sempre crescente nei confronti del tricolore Uisp, ormai diventato una solida realtà nel panorama motoristico nazionale. Il tutto in attesa di tornare in azione tra meno di tre settimane sul Cremona Circuit per una sfida che entra sempre più nel vivo.



Autodromo Magione - Formula X Italian Series - Predator's Challenge - Palummieri Stefano


A dettare legge nella classifica assoluta del Predator’s Challenge è stata la PC015, la nuova monoposto realizzata da Corrado Cusi che si è confermata estremamente performante. Ad imporsi in entrambe le manche è stato Daniele Tarani, il quale dopo aver conquistato la pole position è stato abile nel tenere a bada il Francesco Solfaroli, giunto secondo sotto la bandiera a scacchi. Matteis.





Il pilota torinese Stefano Palummieri ha invece conquistato il terzo gradino del podio nell’assoluta, imponendo però i primi due sigilli della stagione nella graduatoria riservata alle “classiche” PC010: nella prima manche ha preceduto Atzori e Nesurini, mentre nella seconda ha avuto la meglio nei confronti di Corradi e Critelli. Il portacolori della PLM RACING è passato così al comando della classifica parziale dell’AM Trophy intitolato a Flavio Di Bari.





54 visualizzazioni0 commenti